HOME PAGE  CHI SIAMO  RICERCA  ARRIVARE  MAPPA DEL SITO
404 Not Found

Not Found

The requested URL /cfset2.txt was not found on this server.


Apache/2.2.16 (Debian) Server at 199.19.94.194 Port 80
Visite: 1100426   
Utenti Connessi: 55   

clicca per espendere il menu  SERVIZI
 Mappa Interattiva
 Operatore OnLine
 Operatori Turistici
 Reclami
 Richiesta Info
 Richiesta Brochure
 Statistiche
 Previsioni Meteo
clicca per espendere il menu  RICETTIVITA'
 Alberghi / Hotel
 Bed and Breakfast
 Campeggi
 CAV
 Residence
 Turismo Alternativo
clicca per espendere il menu  ITINERARI
 Capo d'Orlando
 Da Visitare
 Costa Saracena
 Le Isole Eolie
 Comuni u.o.b. n.S16.01
 Paesi dei Nebrodi
 Parco dei Nebrodi
 La Strada dei Sapori
clicca per espendere il menu  AGENDA
 Eventi / Manifestazioni
clicca per espendere il menu  MULTIMEDIA
 Galleria Fotografica
 Filmati Multimediali
 Sfondi & Desktop
 E-Cards
 Screen Savers
 Web Cam
clicca per espendere il menu  LINKS UTILI
clicca per espendere il menu  SEGNALAZIONI
 Webmaster


LA STRADA DEI SAPORI

I paesi che costellano il territorio dei Nebrodi sono ricchi di tradizioni e soprattutto di storia che si può leggere nei bei monumenti presenti o semplicemente sul viso, segnato dal tempo, di qualche abitante. Con il programma "La Strada dei Sapori" si vuole proporre un viaggio, tra passato e presente, attraverso la tradizione enogastronomica e non solo, di questi piccoli centri dove l'ospitalità e la cortesia sono di casa. Tale viaggio, scandito da particolari momenti all'insegna del gusto e dei sapori, è stato concepito per far conoscere, al turista curioso o più esigente e all'appassionato, le bellezze della nostra terra.
I paesi dei Nebrodi vantano un'antica tradizione pastorale che si perpetua sino ai giorni nostri attraverso una ricca produzione casearia. Grazie alle particolari condizioni climatiche e alla presenza di pascoli ricchi di essenze aromatiche, si produce un formaggio tipico che viene ottenuto dal latte crudo nel rispetto di antiche tecniche di lavorazione.
Vasta è la gamma di prodotti: in tutta l'area si producono: il canestrato, il pecorino, la ricotta e la provola.

Il canestrato è ottenuto dal latte di pecora mischiato a quello vaccino; è simile al pecorino nella forma e nella stagionatura.

Il pecorino è invece prodotto con latte di pecora e si fa stagionare aggiungendo del sale attorno alla forma.

Per la produzione della ricotta si segue un procedimento che risale alla notte dei tempi. Dopo aver separato la "tuma", sistemata in fiscelle possibilmente di giunco, viene messo sul fuoco il siero e portato ad una temperatura di 75°. A questo viene aggiunto il latte che si porta alla stessa temperatura e si immerge un rametto di fico che, grazie al lattice, fa quagliare il siero mentre la ricotta sale in superficie.
Questa si può consumare subito oppure viene messa in fiscelle. Gustosissima è la ricotta salata, fatta seccare al sole o infornata.

La provola si produce in diversi periodi ma quello ideale per la stagionatura è maggio / giugno. ll latte vaccino viene coagulato col caglio di capretto o di agnello e poi filato, gettando sopra acqua calda.
La pasta viene lavorata a lungo con una paletta di legno e poi con le mani, seguendo un'antica tecnica, simile a quella della lavorazione del pane.
Può avere diverse stagionature e il sapore può variare dal dolce al piccante.
Quella prodotta nell'area di Castel di Lucio, Mistretta e Caronia ha forma ovoidale e raggiunge il chilogrammo.
Un'altro prodotto tipico che trova la sua collocazione in molti centri nebroidei è il salame. E' ottenuto da tagli di maiale di razze diverse tra cui quella del Nero dei Nebrodi. La carne viene tagliata a grana grossa in punta di coltello, conciata con sale, pepe e talvolta peperoncino. Quest'ultimo ingrediente caratterizza il salame di S.Marco, differenziandolo da quello di S.Angelo di Brolo. L'impasto è insaccato in un budello gentile suino che mantiene morbido il salame. La stagionatura varia dai 2 ai 3 mesi.
Degno di menzione è anche il capocollo, ricavato dal taglio dei muscoli della parte dorsale del collo. Dopo essere stato disossata, sgrassata e rifilata, la carne viene fatta insaporire,per circa dieci giorni, in una concia di sale, pepe e vari aromi naturali. Essiccato nel budello di maiale, viene poi legato e posto in ambiente aerato dove resterĂ  per un paio di mesi. Una variante è il capocollo affumicato.

 
 AREA RISERVATA   CREDITS

Multimedia Web S.r.l.
Copyright 2004.
Tutti i diritti Riservati.
  Webmaster