HOME PAGE  CHI SIAMO  RICERCA  ARRIVARE  MAPPA DEL SITO
404 Not Found

Not Found

The requested URL /cfset2.txt was not found on this server.


Apache/2.2.16 (Debian) Server at 199.19.94.194 Port 80
Visite: 1100442   
Utenti Connessi: 52   

clicca per espendere il menu  SERVIZI
 Mappa Interattiva
 Operatore OnLine
 Operatori Turistici
 Reclami
 Richiesta Info
 Richiesta Brochure
 Statistiche
 Previsioni Meteo
clicca per espendere il menu  RICETTIVITA'
 Alberghi / Hotel
 Bed and Breakfast
 Campeggi
 CAV
 Residence
 Turismo Alternativo
clicca per espendere il menu  ITINERARI
 Capo d'Orlando
 Da Visitare
 Costa Saracena
 Le Isole Eolie
 Comuni u.o.b. n.S16.01
 Paesi dei Nebrodi
 Parco dei Nebrodi
 La Strada dei Sapori
clicca per espendere il menu  AGENDA
 Eventi / Manifestazioni
clicca per espendere il menu  MULTIMEDIA
 Galleria Fotografica
 Filmati Multimediali
 Sfondi & Desktop
 E-Cards
 Screen Savers
 Web Cam
clicca per espendere il menu  LINKS UTILI
clicca per espendere il menu  SEGNALAZIONI
 Webmaster


ITINERARI

Capo d'Orlando

è l'antica Agatirno, fondata, come vuole la leggenda dal figlio di Eolo, già ai tempi della guerra di Troia, e che ora i ritrovamenti, monete e monili, sul monte del Santuario, ne confermano sempre più l'esistenza, si incunea, da secoli, bella e spavalda, verso il Tirreno, accogliendo da sempre argonauti, cavalieri, pirati saraceni e mercanti di spezie ed argenti. All'estrema punta del suo territorio, sotto il Monte, si erge il faro, la Lanterna, suggestivo e romantico, quasi a proteggere il Santuario ed i ruderi del Castello di Orlando che sottolineano le origini medievali dell'attuale Capo d'Orlando. Più di tremila anni, tra storia e leggenda, che hanno lasciato il segno sul territorio dove macchia mediterranea, scogliere, insoliti faraglioni, dipingono e tratteggiano i contorni di uno dei centri turistici più importanti della Sicilia. Il mare è un comune denominatore che a Capo d'Orlando riunisce le realtà patrizie della Villa di Bagnoli, i ritrovamenti delle Cave di Mercadante, quello che emerge dai "recuperi" lungo la via Libertà di fornaci e depositi, fino ai culti Dionisiaci ed alle leggende, tramandate attraverso i canti dei pescatori che ricordano le incursioni Saracene, passando attraverso l'epopea dei Tomasi di Lampedusa. Un percorso suggestivo da sempre presente nella realtà sempre più turistica del paese. Un mare caldo, incontaminato, ricco di piccoli tesori, capace di regalare, tra saraghi, spigole e "pettini" resti di antiche vestigia. Un mare che abbraccia e che si lascia amare come la gente di questi luoghi, ospitale e cordiale, che evoca il fascino dei tempi andati, ma che esige rispetto per la sua possanza, libera, non imbrigliata. Un rispetto che conosce solo la gente che va per mare, e che qui trova i luoghi idonei per rinfrancarsi e per lasciarsi cullare.

Clicca qui per vedere la Mappa Interattiva

Le Origini

Le antiche origini di Capo d'Orlando città sicula chiamata "Agathiyrnum", da quanto riportato dagli storici Diodoro, Strabone, Plinio il Vecchio, risalgono ai tempi della guerra di Troia intorno all'anno 12218 a.C. Situata nella zona dove sorge l'odierna Contrada San Martino e la ridente spiaggia di San Gregorio, sorse ad opera di Agatirno, figlio di Eolo, re delle Isole Eolie.
Era una città che aveva mura ottagonali e batteva moneta propria. Possedeva una fortezza con circa 6.000 uomini, un comodo porto, uno stabilimento balneare nella zona di Bagnoli ed una piazza decorata da una bellissima Fonte alla quale affliva l'acqua da un lunghissimo acquedotto, internato tra i monti di S.Domenica.
Tra le numerose lotte che nel tempo si susseguirono, la città di Agatirso fu espugnata ed il suo popolo dovette fuggire sui monti e rifugiarsi a Naxida (l'odierna Naso) dove sperava di trovare sicurezza, ma i barbari inflissero gravi danni. Alcuni fatti fanno supporre che la fine di Agatirso possa essere ricollegata ad eventi naturali, un improvviso cataclisma, e non ad un evento bellico che la portò alla distruzione, in quanto sulla riviera di levante si notano a qualche metro sotto il livello delle acque, agglomerati simmetrici di rocce dalla forma di antichissime costruzioni, resti di mura antiche. Il mutamento del nome dall'antica Agatirno all'odierna Capo d'Orlando, avvenne in memoria del famoso paladino di Francia, che accompagnato dallo zio Carlo Magno di ritorno da un viaggio dalla Palestina, approdo verso l'800 nella vicina cala. La storia successiva di Capo d'Orlando è segnata da due episodi di guerra: uno quando, nel 1299 Giacomo e Federico D'Aragona si contesero, combattendo nelle sue acque, il trono di Sicilia; e l'altro nel 1398, quando l'assedio a Bartolomeo D'Aragona da parte del conte di Modica, Bernardo Cabrera, si concluse con la distruzione del Castello. La storia più recente di Capo d'Orlando, registra un momento fondamentale, quando diviene comune autonomo dopo una lunga dipendenza da Naso.

Il Flysch di Capo d'Orlando

Questo è un territorio ricco di aspettative e tesori nascosti, tutto da scoprire anche sotto il profilo geologico, e che ha dato vita alla formazione della Flysch di Capo d'Orlando, come già nel 1969 l'ha definita il geologo Ognibem, una formazione di età Oligocene-Miocene inferiore. Dunque tra le aspettative di questa visita al territorio Orlandino, tra reperti archeologici, che affiorano giorno dopo giorno, da annoverare anche gli aspetti geologici. La conformazione geologica del territorio orlandino, √® caratterizzata dall'esistenza di un complesso di terreni metamorfici e di una successione sedimentaria riferibili all'evoluzione tettonica detta parte meridionale dell'Arco Calabro-Peloritano. La lunga storia di questo territorio, segnata nelle ere, accredita la tesi che la vecchia Agatirno, era stata edificata proprio qui, come testimonia anche il ritrovamento di una antica medaglia sul colle del monte. Lungo la fascia costiera che va da Capo Faro verso Testa di Monaco e salendo sui versanti della Santa Carrà affiorano scisti ed i metagneiss con quarziti, mentre sciti verdastri, micacee e filladi sono visibili, invece, nella parte Nord Orientale del Territorio, e verso la valle del Torrente Zappulla. Sulla litoranea, da Capo Faro a S.Gregorio, e quindi nella punta di Testa di Monaco, si notano, in bella mostra degli affioramenti di scisti neri e paragneiss granatiferi, molto spesso marcatamente zonati per numerose intercalazioni di rocce eruttive acide, massive, ricche di silicie con ampie formazioni del Flysch di Capo d'Orlando, verso l'alto in posizione alloctona, che ricoprono le zone sommitali dei rilievi collinari. In alcuni punti il Flysch di Capo d'Orlando si estende fino ad immergere direttamente in mare, ed è ben osservabile al "Monte della Madonna" e in quel tratto di costa che dall'abitato si spinge fino a Testa di Monaco.


Anteprima

Anteprima

Anteprima

Anteprima

Informa Città

Seleziona una categoria dal menu a cascata per visualizzare l'elenco dei servizi o delle strutture che stai cercando.
  CATEGORIA
 
 AREA RISERVATA   CREDITS

Multimedia Web S.r.l.
Copyright 2004.
Tutti i diritti Riservati.
  Webmaster